Autrice

Cate

All’età di otto anni la mia maestra delle scuole elementari si rese conto che ero una bambina eccessivamente fantasiosa e che era facile perdermi nei meandri di mondi incantati, così decise di darmi una “bussola” per poter tornare tra i comuni mortali, e assolvere ai miei doveri di bambina. Mi consegnò un romanzo, “La Piccola principessa” di F.H. Burnet dicendomi di leggerlo con attenzione e io, bambina diligente, il pomeriggio di quel giorno piovoso, seduta sugli scalini interni della piccola casa in cui vivevo, insieme a due scalmanati fratelli e altrettante scalmanate sorelle, iniziai l’avventura che cambiò radicalmente la mia vita.

La storia di Sara mi fece capire che, se Frances (l’autrice) era stata in grado di scrivere una storia così fantasiosa, esotica e commovente ci sarei riuscita anch’io (megalomane fin dalla nascita!), e rapita dal fuoco sacro dell’arte scrissi la mia mia prima fiaba, plagio bello e buono di Biancaneve, Cenerentola e la Bella Addormentata nel Bosco.

La protagonista si chiamava Sally, il principe non lo ricordo. Rilegai i fogli, corredati dai disegni da me realizzati, con ago e filo assegnandogli una copertina, bianca e verde rubata a un testo scolastico ormai passato a miglior vita. Conservo, ancora oggi e gelosamente questo tesoro inestimabile che un giorno, sicuramente finirà in qualche teca, in qualche museo di una città fantastica in qualche universo parallelo.

I cinque cavalieri erranti

I cinque cavalieri erranti

Subito dopo “La piccola Principessa” lessi “Il Giardino Segreto”, che considero il mio romanzo preferito, quello che mi fece capire che ogni bambino merita di avere il suo giardino segreto (Così come ogni donna, seconda la grande Virginia Woolf merita una stanza tutta per sé).

Da allora scrivo per creare mondi incantati, per creare giardini e per continuare a divertirmi, perdendomi tra porte e strade, lunghi corridoi, attraverso galassie e universi inesplorati e spesso porto con me le mie due bambine, a volte siamo piratesse, altre guerriere, bibliotecarie, esploratrici, topoline, dragonesse e via discorrendo!

In questa parte del mondo, dove tutto sembra reale (ma la realtà non è così come noi la vediamo, state attenti!) io scrivo, realizzo laboratori di scrittura creativa, lettura animata, ascolto attivo. Sono un’animatrice culturale e un’educatrice.

Se volete conoscermi meglio leggete le mie storie.